Passa ai contenuti principali

VideoCon. I lavoratori sono multati. Il Comune rimane a guardare

[foto da ilgiornalino]
Non accenna a placarsi la rabbia e l'indignazione per la beffa subita dai lavoratori VideoCon condannati a pagare 3.750 euro di multa per interruzione di pubblico servizio Cotral. Le reazioni sono tante, e tutte molto forti.
Anzi. Mi correggo. Quasi tutte le reazioni sono molto decise. Perchè ce n'è una che proprio è flebile flebile. Ed è proprio della persona che vedete qui accanto.
Del sindaco di Anagni, Noto Carlo, COG riporta infatti la seguente dichiarazione: «...sono pronto a denunciare la Cotral ogni volta, e accade spesso, che causa un disservizio ai cittadini». Cribbio! Tutto qui, signor sindaco? Solo queste paroline? Guardi che se gli serve un testimone per denunciare i disservizi Cotral può contare su di me. Detto fatto. A disposizione, sono.



Però, insomma. Neppure un comunicatino ufficiale di giunta? Il sito del Comune mostra ancora in bella vista quella gran comica della giornata ecologica. Ma neanche una righetta sul nuovo caso occorso ai lavoratori VideoCon. Solo le parole di COG sono uscite dalla stanza blindata del Comune. Tra l'altro, già abbondantemente anticipate proprio dal sottoscritto, ieri, come potete andare a controllare e come già notato da un anonimo lettore del blog.

Ebbene. Sappia, signor sindaco, che la città si aspetta qualcosa di diverso dal primo cittadino. Qualcosa di più. Qualcosa di concreto. Per cominciare andrebbe bene anche un bel comunicato di solidarietà. Ma forte, eh. Un po' inca, magari, come sono inca i lavoratori in cassa integrazione da anni che sono stati abbandonati dalle vostre famigerate sinergie.

E poi, magari, si potrebbe provare a sentire qualcuno un po' più lontano. Possibile che il Comune non conosca nessuno a Roma? Voglio dire, alla Regione? Perchè la Regione Lazio è azionista della Cotral, sapete. E qualcosa si potrebbe pure, che diamine. Io non riesco proprio a ricordarmelo. Ma mi pare che qualcuno c'era amico vostro alla Regione. O sbaglio? Ma come si chiamava? C'è ancora? Potete sentirlo? Chissà. Magari. Ma solo se può, beninteso. Senza impegno.

E solo se non si disturba troppo. [Ave]

Commenti

  1. Ieri, in una assemblea alla Provincia di Frosinone, tra sindacati e l'assessore Trina, al quale vanno comunque i ringraziamenti per l'impegno, agli operai colpiti dall'ingiunzione è stato messo a disposizione un avvocato penalista per la difesa.
    Molto spesso però l'impegno dell'assessore Trina sembra un episodio isolato, in quanto spesso lui parla a nome del presidente Iannarilli e quando vengono convocati i sindaci interessati alla Videocon, i presenti sono sempre gli stessi e molto spesso ci sono loro delegati. Purtroppo sono già passati 20 giorni da quando in una assemblea, sempre alla Provincia, si era detto di fare una grande manifestazione che coinvolgesse tutte le autorità, ma anche i lavoratori delle fabbriche in crisi della Provincia di Frosinone che , come ha detto ieri l'assessore è la prima nel lazio e la terza in Italia.
    Mentre loro cercano di conciliare gli impegni dei vari sindaci e personaggi politici (dov'è il risultato?), le mazzate sui lavoratori continuano. Non solo mancanza di stipendi,anche risarcimento danni per un'azienda che tutti i giorni da disservizi e fa arrivare tardi a scuola o al lavoro centinaia di persone.
    Poi perché solo 22 quando in realtà ad occupare ce n'erano alltri 400?
    Chi ha fatto questa denuncia ha pensato a quale potesse essere la rezione di un operaio sfinito da 5 anni di problemi e mancanza di soldi e di lavoro? Ricordo che l'infermiere della Videocolor si è suicidato dopo aver avuto la lettera di Cassa integrazione.
    Tutto ciò poi per aumentare la sfiducia e quindi il defilarsi ancora di più dei lavoratori già poco presenti.
    Se passa sotto silenzio questo episodio, costituirà un precedente!
    I lavoratori, già sotto ricatto, nel caso volessero far valere un poprio diritto, quale mezzo avranno per rivendicarlo?

    RispondiElimina
  2. grande Meazza!!!!!!!! sindaco Noto alla frutta...

    RispondiElimina
  3. Avvocati penalisti sono stati contattati anche da CGIL e CISL. Vorremo ringraziarli ufficialmente. Ringraziamo anche le parole di conforto di tutti i politici anagnini, anche se, da parte di chi è al governo cittadino, ci aspettiamo qualcosa in più che semplici parole di affetto. Se siete forza di governo, dimostratelo, visto che avete il potere anche in regione e provincia, altrimenti siete allo stesso livello di tutti gli altri, anzi un pò più sotto, visto che i soldi per le stupidaggini li tirate fuori.
    Due operai Videocon, in attesa di ricevere la denuncia.

    RispondiElimina
  4. I sindaci dei comuni interessati, la provincia di Frosinone e la Regione Lazio devono aiutare gli operai a pagare tale multa.
    Il governo deve riconvertire questa fabbrica e tante altre.
    Dov'è la scossa all'economia?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Videolezioni in OBS Studio

Un piccolo contributo per tutti coloro che hanno bisogno di creare, velocemente, videolezioni. OBS Studio è uno degli strumenti che è possibile utilizzare. Tra l'altro assolutamente gratuito. Questo breve tutorial vuole essere un contributo non professionale nè esaustivo, ma diretto alla semplice, veloce e concreta realizzazione di una videolezione. Come dovrebbe essere sempre nel mondo della scuola, si condivide una esperienza.

Anagni. Sequestro alla Di Cosimo. L'azienda chiuderà?

Ricordate le indagini sui presunti scarichi abusivi della Di Cosimo ? I Carabinieri quelle indagini adesso le hanno chiuse. Con la collaborazione dell' Arpa . Che, analizzando le acque del famigerato Rio Mola Santa Maria , s'è vista spuntare fuori cose tipo solfati, solfuri, tensioattivi, azoto nitroso. In concentrazioni preoccupanti. Non chiedetemi cosa sono. Perchè solo il nome mi mette paura. Se volete, potete fare un giretto per il web. Troverete intere enciclopedie a disposizione. L'unica cosa che posso dirvi, con assoluta certezza, è che non si tratta di ingredienti per rendere più saporita l' insalata .

LegaNord. Gli schei non comprano la civiltà

Non c'è niente da fare. Anche nelle tragedie che coinvolgono il suo popolo, la LegaNord dimostra di essere fondata su una cultura disgustosamente rozza. Volgare . Qualunquista. Incapace di qualsiasi sentimento che possa, in qualche modo, appartenere alla civiltà degli uomini. L'unica subcultura che la LegaNord riconosce come propria è quella dell' odio . Del rifiuto. Dell'asserragliamento in un recinto che può essere una regione. Una zona. Una provincia. Una città. Un quartiere. Una via. Un palazzo. Un appartamento. Una mattonella del salotto. Tutto il resto sta fuori. Sta al di là. Nessuna comunicazione nè comprensione nè condivisione è possibile. Fuori ci son solo nemici. Da annientare.